Acque basse (1505-2)

  • italiano
  • 1972-04-21
  • Dauer: 00:03:06

Beschreibung

Comunicato:
La persistente mancanza di pioggia ha provocato in molte regioni del nostro paese una preoccupante siccità. Una situazione che mette ancor maggiormente in evidenza il grado d'inquinamento dei nostri laghi, con la visione di enormi quantità di rifiuti messi allo scoperto sulle rive. Persino le leggendarie cascate del Reno sono trasformate in un rivoletto.... Malgrado la siccità, i coraggiosi soci del Club canoista di Ginevra riescono ad allenarsi nel saltare le cascatelle del torrente Aubonne.

Commento:
Già il 1971 era stato eccezionalmente secco ed ecco che di nuovo anche quest'anno la Svizzera conosce un lungo periodo di acque basse. Il livello del lago di Costanza è enormemente al disotto di quello normale e al momento ha raggiunto il minimo assoluto registrato un secolo e mezzo fa, nel 1838.// Il deflusso del Reno non arriva neppure alla metà della media mensile, in modo che si può raggiungere facilmente a piedi l'isola di Werd.// Si profitta di questo periodo di siccità per pulire le rive dei laghi; così hanno fatto 600 volonterosi intervenuti per liberare le rive del Lemano nei pressi della foce del Rodano, dai rifiuti della nostra brillante civiltà. È però triste che siano sempre i giovani a dover ripulire la nostra terra dalle immondizie accumulate dalle altre generazioni… // Sta di fatto che queste giovani braccia hanno messo insieme qualcosa come 60 tonnellate di rifiuti. Sussiste purtroppo il pericolo maggiore: cioè che l'acqua stessa sia presto irrimediabilmente inquinata. // Avremo occasione di sentire ancora spesso le Cassandre ammonirci circa le disastrose ripercussioni della siccità sui nostri rifornimenti d'energia elettrica. Perfino le leggendarie cascate del Reno finiscono per avere ora la loro maggiore attrazione turistica nel fatto che vi manca l'acqua...!// Semplicemente stupefacente che con questa deficienza idrica generale il club canoista di Ginevra trovi lo stesso modo di allenare sull'acqua dei torrenti le sue nuove reclute. Non è certo cosa da poco riuscire a destreggiarsi lungo una contenta alta 4 metri e con una temperatura dell'acqua di appena 8 gradi. Vale anche in questo caso l’aureo detto: solo chi mantiene la testa fredda riesce sempre a ritornare a galla....!//

Communiqué_1505.pdf
Dieses Dokument wurde mit der Unterstützung von Memoriav erhalten.
Kommentieren